3 MODI PER ROMPERE IL GHIACCIO QUANDO PARLI IN PUBBLICO

In Comunicazione efficace, Sviluppo Manageriale by Redazione

Si sa, parlare in pubblico è come una palestra: bisogna allenarsi a “rompere il ghiaccio” con esercizi fatti apposta, e continuare con costanza. Ci vogliono impegno e dedizione, all’inizio può sembrare solo faticoso e snervante, poi si innescano automatismi che portano a grandi successi.
Con la giusta pratica, puoi riuscire ad emozionare e conquistare la tua platea.

La parte più difficile, per esempio in occasione di un intervento a un convegno, è sempre il primo impatto: come rompere il ghiaccio e fare subito una buona impressione?

Purtroppo non si ha una seconda occasione per fare una buona prima impressione, quindi è necessario conoscere gli strumenti più efficaci per catturare l’interesse, incuriosire e creare il clima adatto per mantenere alta la soglia di attenzione.

Ecco tre suggerimenti per un primo approccio eccellente, che ti aiuteranno a dissipare l’ansia da palcoscenico e a coinvolgere il pubblico:

1. Fai domande

È il modo più semplice per rompere il ghiaccio, ma soprattutto per coinvolgere il pubblico e allo stesso tempo scrollarti di dosso la tensione. Facendo domande crei empatia: sposti l’attenzione da te alle persone presenti e stimoli l’uditorio, con grande beneficio per loro e per la tua emotività.

Attenzione alle domande che fai! Resta sul semplice e non uscire dal contesto: puoi chiedere, ad esempio, se si trovino quotidianamente ad affrontare situazioni attinenti all’argomento trattato; oppure, più semplicemente, se è stato difficile trovare la location dove si sta svolgendo l’incontro.

2. Racconta un aneddoto

Questo è uno degli strumenti più efficaci per rompere il ghiaccio e ridurre la distanza con l’interlocutore: rivela qualcosa che prima era nascosto, permettendogli così di entrare nella tua sfera emotiva.

Fai attenzione però: anche in questo caso l’aneddoto non deve risultare fuori luogo, bensì deve sempre avere a che fare con la situazione o l’argomento trattato, deve essere collegato a quanto stai per dire o all’oggetto generale dell’incontro. Racconta un episodio divertente che ti è capitato alla precedente conferenza o in generale qualcosa che ti avvicini al pubblico e al suo presunto stato d’animo. Se è lì ad ascoltarti, è per un motivo ben preciso che puoi intuire, visto che tu stesso stai affrontando l’argomento; magari, non molto tempo fa, ti trovavi lì seduto ad ascoltare.

3. Utilizza una citazione o un aforisma

Si possono citare personaggi famosi o meno famosi, l’importante è menzionare il loro nome. Lo stesso vale per gli aforismi. Per rompere il ghiaccio ad un corso di public speaking, ad esempio, potresti iniziare con «Uno dei più importanti oratori dei primi del ‘900, Dale Carnegie, ripeteva sempre che la miglior maniera per imparare a parlare in pubblico è… parlare in pubblico!». Da qui poi potresti far seguire una breve spiegazione sull’importanza di affiancare sempre pratica e teoria per esercitarsi al meglio in questa arte.
Comincia ad appuntarti le frasi famose e gli aforismi che senti e vedi in giro, verificane la fonte effettiva ed utilizza quelli che più ti piacciono e/o si addicono al tuo settore. È importante organizzarli per tematiche, in modo da averli a portata di mano al momento del bisogno.

Ti è mai capitato di avere difficoltà a rompere il ghiaccio in una discussione o all’inizio di una presentazione? Come ti sei comportato/a?

Dai un’occhiata ai nostri corsi di public speaking e di leadership: imparerai a mettere da subito in pratica un metodo efficace di presentazione.